La normativa europea di riferimento che si occupa di apparecchiature e sistemi destinati all’impiego presso zone a rischio di esplosione è la direttiva 94/9/CE “ATEX”. A questa direttiva, adottata dal nostro ordinamento giuridico con il D.P.R. del 23/03/1998, devono attenersi le ditte costruttrici degli impianti che andranno ad operare in atmosfere potenzialmente esplosive i quali, ai sensi di quanto previsto dalla legge, devono essere obbligatoriamente certificati.

Esempi classici di questi ambienti pericolosi sono rappresentati da polveriere, depositi militari, strutture per lo stoccaggio di carburanti, miniere sotterranee, distillerie, ma anche stabilimenti farmaceutici, petrolchimici e per la produzione di energia, solo per citarne alcuni.

Il termine ATEX deriva dall’unione dei termini ATmosphères ed EXplosibles, ed è stato adottato dalla ditta Costelmec Hoisting & Moving Industry per identificare la gamma dei suoi sistemi elettromeccanici dotati di caratteristiche antideflagranti e perciò idonei all’inserimento in ambienti ad alto rischio esplosivo.

Nella gamma di prodotti ATEX prodotti da quest’azienda leader di Parma, operativa su tutto il territorio italiano e anche all’estero, troviamo carriponte, gru a bandiera, gru a cavalletto, paranchi a fune, paranchi a catena ed impianti di sollevamento in genere, che possono essere realizzati su misura per soddisfare qualsiasi esigenza manifestata dalla clientela.

Affidandosi alla Costelmec Hoisting & Moving Industry si potrà contare su sistemi elettromeccanici certificati e quindi perfettamente in linea con gli standard previsti dall’attuale normativa per gli ambienti a rischio di esplosione. Tutti gli impianti di sollevamento Costelmec sono inoltre personalizzabili a piacimento anche in termini di estetica e rifiniture.

Share →
Web design Parma: Zenzero Comunicazione
[www.zenzerocomunicazione.it]